Parrocchia S. Andrea Apostolo (Breguzzo)

Titolarità: CHIESA DI SANT’ANDREA APOSTOLO

Autore: Ing. Arch. Leopoldo Claricini di Trieste

Epoca: lavori terminati 31 luglio 1863

 

(sintesi di testi vari, con integrazione di una scheda di rilevazione di Rossella Peretti)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Descrizione e caratteristiche

L’ispirazione per la costruzione di questa chiesa è stata tratta dallo stile romanico - lombardo. Interessante il commento del curato: "Graziosamente maestoso e maestosamente semplice". Per la costruzione vennero usati granito locale, calce e parte del materiale ricavato dall'abbattimento del vecchio campanile. Anche le campane provengono da lì.

Particolarità della facciata sono: il portone, il rosone e le due statue. La porta principale, che conclude l'ingresso a strombo, e il rosone, racchiuso in una cornice probabilmente di stucco composta da archetti pensili, erano stati predisposti per l'antica chiesa di Piedicastello presso Trento e furono acquistati a buone condizioni. Le due grandi statue poste ai lati della sommità della facciata rappresentano Pietro e Paolo, sono in pietra bianca del comasco, opera dello scultore Argenti. La chiesa è decorata perimetralmente da archetti pensili.

Entriamo. Il pavimento è in pietra rossa di Lasino. Un affresco allegorico moderno occupa l'intera parete di fondo. Proseguendo troviamo sul lato sinistro una nicchia con la statua di S. Andrea ai suoi lati due quadri, di fronte, alla stessa altezza, altra nicchia con statua di S. Nicolò. Sotto le nicchie i due confessionali. Di seguito i due ingressi laterali sormontati da altrettante balconate di marmo. Il pulpito di destra presenta la particolarità della mano con Crocifisso, che ha semplice funzione di supporto della croce.

I due altari laterali sono dedicati a San Luigi e alla Madonna del Rosario dei quali ospitano le relative statue.

L'altare maggiore è privilegiato in perpetuo come da Bolla di Papa Pio IX del 30 agosto 1867. Rilevante l'uso del marmo: l'altare maggiore è opera degli scultori (a seconda delle fonti) Giuseppe o Antonio Galletti di Bergamo e Fortunato Novi di Lanzo, i due gruppi di serafini e le statuette del tabernacolo sono dello scultore milanese Carlo Romano.

Tra i tipi di maroso utilizzati ricordiamo: il bianco e il bradiglio fiorito di Carrara,  il bianco ed il nero di Varenna, il bianco di Mezzate, il misto di Francia, il giallo di Siena, il brembana verde, il Brentonico ed il Serravezza. Ai lati del presbiterio due affreschi rappresentanti: il sacrificio dell'Antico Testamento durante il quale Melchisades offre a Dio pane e vino (a destra), Gesù con i discepoli di Emmaus (a sinistra). Di quest' ultimo è rappresentata la scena culminante quando,  attraverso lo spezzare del pane, i discepoli riconoscono nell'uomo di fronte a loro Gesù, notevole la gestualità e gli sguardi dei personaggi.

In un interno, una grande tavola, ai lati i due discepoli, dietro Gesù Cristo; dalle finestre si intravvede un paesaggio. I banchi del presbiterio sono di Roccataglia di Soncino (come quelli di Bagoli e Preore), più interessanti sono invece i banchi del coro nell'abside, provenienti dall'antica chiesa opera di intagliatori locali (con lesene ed intarsi), si ritengono del XVII secolo. La pala dell'altare maggiore è un dipinto ad olio su tela di scuola veneta del XVIII' secolo che raffigura la Vergine con il Bimbo in gloria, in basso Sant'Andrea e San Vigilo, è attribuita a Palma il Giovane.

A destra della pala è affrescata la Crocifissione di Sant'Andrea che si può dedurre dalla forma della croce mentre l'affresco a sinistra rappresenta un momento della predicazione del Santo. Sopra, vetrate a colori i cui disegni sono opera di Albrecht Martino di Trento e la realizzazione di una ditta austriaca. La volta presbiterale riporta le figure degli Evangelisti con i relativi simboli (aquila, toro, leone e angelo). Al centro la Colomba simbolo dello Spirito Santo.

La Via Crucis acquistata nel 1897 è stata inserita nelle cornici seicentesche lignee dorate, restaurate, della vecchia chiesa. Anche il battistero restaurato proviene dalla suddetta.

 

Brevi notizie storiche

Si sentì l’esigenza di una chiesa più grande e più vicina al paese.  Il contratto venne redatto il 14 aprile 1861: i lavori furono assegnati all'impresa di Predazzo di Francesco Giacomelli.

Nell'incavo di una pietra posta a fondamento della costruzione venne inserito un contenitore di vetro nel quale furono racchiusi una pergamena ricordo, una medaglia del pontificato di Papa Pio IX coniata nel 1849 ed una moneta dell'impero con evidente richiamo al precetto evangelico "date a Cesare quel che è di Cesare, e a Dio quel che è di Dio".

La chiesa fu benedetta, non ancora terminati i lavori, il giorno 30 novembre 1862.

Consacrata il 7 settembre 1867 dal vescovo Riccabona.

Restauri: 1940 - 1945 - 1982 - 1983.

In un documento del 1912 si trovano notizie di un'antica chiesa eretta nel 1350 dedicata a Sant'Urbano,  della quale il  sig.  Guido Boni  trovò i resti delle fondamenta nei pressi della centrale La Rocca.

 

Ancora più indietro… nel tempo

Le origini di Breguzzo, sulla base dei ritrovamenti archeologici effettuati, si collocano tra l'età del bronzo quella dei ferro. Per quanto concerne il nome si sono formulale due tesi: una basata sul prefisso “brig-” di origine celtica (che trova riscontro nel germanico "berg-” con il significato di monte e l'altra sul prefisso "burg" di derivazione longobarda, con il significato di villaggio (fortificato).

Per circa quattro secoli, dal X al XIII, le vicende storiche di Breguzzo si sono differenziate da quelle dei contesto giudicariese avendo fatto parte di un territorio immunitario, sotto la signoria dei Canonici del Duomo di Verona, per entrare a far parte del Principato Vescovile di Trento solo successivamente.

La più antica chiesa di Breguzzo, dedicata a S. Urbano papa, le cui vestigia sono state ritrovate ad inizio 19° secolo lungo l'antica strada romana tuttora denominata "senter dela semeda" si può far risalire intorno all’anno 1000. Era punto di sosta e di preghiera per i viandanti ed i pellegrini che, per via della Rendena, scendevano verso la pianura padana.

Invece la vecchia chiesa dedicata a S. Andrea, patrono del paese, posta in fregio alla strada statale vicino al cimitero, è documentata dal 1242 quando sotto il suo porticato si riunivano i vicini in pubblica regola. Subì molti rifacimenti nel corso del tempo. Fu abbandonata nel 1862, quando venne benedetta dal Decano di Tione - don Ignazio Carli - la nuova chiesa, sempre dedicala a S. Andrea, più vicina al paese. Nel 1982 - 1983, fu oggetto completo restauro che l'ha riportata all'antico splendore delle sue linee di ispirazione romanica, dei suoi marmi, dei suoi legni e dei suoi affreschi.

A Breguzzo esistono diversi capitelli, alcuni già meta di processioni anche rogazionali, come quello, antico, all’inizio della Val di Breguzzo, e quelli di Coré, verso Tione, di S. Antonio, della Madonna delle Grazie e delle SS. Anime purganti.

 

Le antiche chiese erano delle semplici cappelle, dove officiavano sacerdoti mandati dalla chiesa madre di Tione. Risale al 28 ottobre 1590 l'erezione di una curazia unica, denominata di Bondo e Breguzzo, che venne scissa in due curazie il 31 marzo 1667, in concomitanza con la divisione della antica comunità di Bondo e Breguzzo in due comunità distinte.

Nel 1708 la chiesa di Breguzzo ebbe la concessione del fonte battesimale e nel 1895 ottenne una parziale indipendenza con il conferimento al curato di alcune facoltà, come quella di celebrare i matrimoni. L’erezione a parrocchia avvenne subito dopo la prima guerra mondiale, nei 1919.

Il restauro delle campane di Breguzzo

questa sezione comprende alcuni collegamenti (link) relativi a testi, immagini e video, in particolare:
La sequenza di 1+5 immagini portano ai link di altrettanti video con commento
Altri link si trovano a fine pagina
- per i video attivare l’audio e la visione a schermo intero
- per scaricare il file PDF di questa sezione cliccare su Il restauro delle campane di Breguzzo
- cliccare per leggere La perizia tecnica per i lavori


>>><<<

La testimonianza circa il nome di “battesimo” delle campane e di “chi le ha tenute” (madrina o padrino) è stata raccolta da don Celestino Riz nel ottobre 2013 per bocca di Pasquina Ferrari (nata 1935) la quale riferisce quanto sentito da Cinto Monfredini (nato nel 1912 e ora defunto).

Le scritte riportate sono state tradotte da don Vinicio Mussi.

 

Cliccare sull'immagine per la visione del video con commento

 

 La prima:

Diametro 1200 mm – peso 970 kg – nota MI b

Chiamata “CAMPANÒ” porta il nome di MADDALENA e fu tenuta a battesimo da Berto Gepe Bonazza

Poiché è stata rifusa (dopo aver fatto uno stampo originale) riporta la data del 1967

In alto:

LAUDATE DOMINUM DE CAELIS, LAUDATE EUM IN EXCELSIS

Lodate il Signore dai cieli, lodatelo nell’alto (dei cieli) [Salmo 148,1]

In basso:

ME FREGIT FUROR HOSTIS AT HOSTIS AB AERE REVIXI ITALIAM CLARA VOCE DEUMQUE CANENS.

Il furore del nemico mi infranse, ma sono rinata dal bronzo del nemico celebrando con un splendido suono l’Italia e Dio.

FONDERIA FILIPPI – CHIARI BRESCIA 

A.D. 1967


Cliccare sull'immagine 
per la visione del video con commento

La Seconda:

Diametro 1070 mm – peso 680 kg – nota FA

Porta il nome di MARIA MADDALENA e fu tenuta a battesimo dalla maestra Berra Bonazza

In basso:

ME FREGIT FUROR HOSTIS AT HOSTIS AB AERE REVIXI ITALIAM CLARA VOCE DEUMQUE CANENS.

Il furore del nemico mi infranse, ma sono rinata dal bronzo del nemico celebrando con un splendido suono l’Italia e Dio.

LAUDO DEUM VOCO POPULUM DEFUNCTOS PLORO FESTAQUE DECORO

Lodo Dio, chiamo il popolo, piango i defunti e decoro le feste

LUIGI COLBACCHINI E FIGLI FECERO IN TRENTO A.D. MCMXXI

MCMXLIX


Cliccare sull'immagine
per la visione del video con commento

La Terza

Diametro  960 mm – peso 485 kg – nota SOL

Porta il nome di OLGA e fu tenuta a battesimo da Fulgido dalla maestra Berra (Bonazza)

MARIO COLBACCHINI FECE IN TRENTO A.D. MCMXLIX


Cliccare sull'immagine
per la visione del video con commento

La quarta:

Diametro 900 mm – peso 410 kg – nota LA b

Porta il nome di AMALIA e fu tenuta a battesimo da Gianbattista Feracì Monfredini

RESONET TANDEM POST ACERBUM BELLUM VOX TUA IN LETITIA PACIS

Finalmente, dopo un’amara guerra, la tua voce risuona nella gioia della pace

ANTICA PREMTA FONDERIA VESCOVILE   

LUIGI CAVADINI E FIGLIO VERONA

1938 


Cliccare sull'immagine
per la visione del video con commento

La quinta:

Diametro 780 mm – peso 295 kg – nota SI b

Non si ricorda il nome ma fu tenuta a battesimo da Fermo Cot Bonazza

SUB TUUM PRAESIDIUM CONFUGIMUS SANCTA DEI GENETRIS[X]

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio Santa Madre di Dio

LUIGI COLBACCHINI E FIGLI A.D. MCMXXI

 

 

"Josef Haeiz - Storia dei due quadri di Breguzzo"
 (leggi il testo)

 

ADOLFO MATTIELLI – AFFRESCATORE DEL GIUDIZIO UNIVERSALE DELLA CHIESA DI BREGUZZO

ARTICOLO PER JUDICARIA n. 82

23.04.2013 00:00
ARTICOLO PER JUDICARIA n. 82 Lo scorso 30 novembre 2012, in occasione della festa del Patrono, Sant'Andrea apostolo, come ormai da tradizione il Gruppo Culturale Bondo Breguzzo offre ai compaesani un momento di convivialità e di riflessione culturale sui tesori di arte e di storia presenti nel...

Adolfo Mattielli:

23.04.2013 00:00
Adolfo Mattielli: una vita intensa e laboriosa, interamente dedicata all’arte. Nasce a Soave nel 1883. Mattielli proviene da una modesta famiglia di mugnai e fin piccolissimo manifesta una spiccata vocazione per il disegno tanto che successivamente il maestro consiglia ai genitori di avviarlo agli...

Un paese, la sua gente, un pittore

Galleria foto di Monica Valentini